I Trend nel settore HR del 2021

trend del settore hr 2021

Nuovo appuntamento con le news del blog di Tenet Swiss. Oggi, grazie al supporto di un articolo letto su hrexecutive.com, raccontiamo ai nostri lettori i trend del mondo delle Risorse Umane da tenere d’occhio nel 2021.

Descrivere il 2020 in poche parole è davvero difficile: il Covid-19 e tutto ciò che la pandemia ha comportato ha cambiato la vita, la società, le prospettive per il futuro di tutti noi. Ovviamente, gli strascichi e le conseguenze di quello che è accaduto nel 2020 avranno delle conseguenze sull’anno da poco iniziato.

Da queste considerazioni non è esente il mondo dell’HR: secondo Brian Kropp, responsabile della ricerca sulle Risorse Umane di Gartner, saranno tante le sfide da raccogliere nel 2021. Ecco, secondo Kropp, i trend nel mondo dell’HR a cui assisteremo quest’anno.

1.     Più interesse per il benessere dei dipendenti.

Il lavoro da remoto ha acceso i riflettori sui tanti problemi che i dipendenti si sono ritrovati ad affrontare durante la pandemia. Lavorare, prendersi cura di sé, della famiglia, della casa ha messo tutti a dura prova. Un dipendente sereno lavora meglio e raggiunge risultati tangibili: è per questo che il 2021 sarà l’anno in cui i manager si impegneranno a sostenere i dipendenti e agiranno per il bene della loro salute mentale ed economica.

2.     Peggioramento del gender gap.

Si stima che nel 2021 i dipendenti che ritorneranno nei luoghi di lavoro saranno per la maggior parte uomini. Al loro rientro si somma anche una maggiore probabilità di aumenti di stipendio e promozioni. Questo ed altro farà peggiorare il divario salariale di genere, penalizzando la condizione delle donne.

3.     Limitazioni al monitoraggio del lavoro dei dipendenti.

Secondo alcuni studi, pare che più di un’azienda su 4 abbia acquistato software per controllare il lavoro dei dipendenti da remoto. Nel 2021 ci saranno limitazioni e nuovi bilanciamenti per salvaguardare la privacy di coloro che vengono controllati.

4.     2021: l’anno della flessibilità.

Nel corso di quest’anno, lo smartworking continuerà ad essere una realtà consolidata (e lo sarà a lungo). Ma la flessibilità del lavoro non si limiterà soltanto ai luoghi: nel 2021 ci saranno tantissimi posti di lavoro in cui non si richiederà più al dipendente un numero concordato di ore lavorative. Si lavorerà, piuttosto, per raggiungere risultati tangibili – senza curarsi delle tempistiche.

5.     Le grandi aziende si muniranno di grandi quantitativi di vaccini.

Le aziende leader nel mondo faranno incetta di vaccini anti-Covid per assicurarsi che i propri dipendenti siano al sicuro. Attuando questa strategia, inoltre, sperano di poter attirare i cervelli migliori e inserirli nei team aziendali.

6.     Grande attenzione per la salute mentale.

Le conseguenze della pandemia sulla nostra salute mentale sono evidenti. È per questo che nel 2021 i datori di lavoro e i reparti HR porranno grande attenzione alla salvaguardia della salute mentale, organizzando attività mirate e sostenendo iniziative per il benessere psicologico dei dipendenti.

Cosa ne pensi di questo articolo? Per saperne di più, non esitare a contattare Tenet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.